fonte: il pensiero scientifico – editore

Non è la prima volta che l’umanità deve combattere contro un Coronavirus. Come per la SARS e la MERS anche per il Covid-19 non esiste ancora un vaccino né una cura specifica. L’esperienza passata ci da, però, la possibilità di effettuare una diagnosi più rapidamente che in precedenza.

Ma ciò non basta, gli strumenti di contenimento sociale hanno il loro effetto ma non risolvono il problema. Il vaccino non esiste ancora e chissà quando ci sarà, quegli attuali non funzionano, c’è solo la possibilità di curare i sintomi.

E per la prevenzione?

A questa domanda risponde l’Organizzazione Mondiale della Sanità che, tra le misure più efficaci per prevenire il contagio, indica semplicemente di lavarsi le mani.

Lavarsi le mani è una delle pratiche più efficaci per prevenire il contagio. fonte: W.H.O. (Organizzazione Mondiale della Sanità)

Può sembrare un concetto banale ma, considerata la scarsa preparazione dei cittadini in tema di sanità e prevenzione, già abituare la popolazione a lavarsi spesso e bene le mani, aiuterebbe a combattere non solo il Coronavirus ma anche tanti altri patogeni.

Non è un caso che l’OMS indichi la pratica di lavarsi le mani come una delle più efficaci per prevenire la diffusione delle infezioni, a conferma di questa tesi intervengono anche i Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) di Atlanta (USA).

Come fare?

Secondo l’O.M.S. per lavare efficacemente le mani bisogna farlo per almeno per 40-60 secondi.

Nonostante la semplicità dei passaggi, spesso si incontra qualche difficoltà nel loro apprendimento e, di conseguenza nella loro adozione.

A venirci in soccorso, questa volta, è il cinema, nel film Basta che funzioni di Woody Allen una simpatica scena ci spiega come fare.

Ovviamente cantare non uccide i virus ma favorisce il processo di pulizia allungando il tempo di lavaggio ad almeno 30 secondi, più lentamente canteremo e meglio laveremo le mani.

La scarsa importanza che si da alla pulizia delle mani ha spinto l’OMS a promuovere la Giornata mondiale per il lavaggio delle mani, evento che si ripete ogni anno il 5 Maggio. Se ci si è spinti a tanto vuol dire che la pratica di lavarsi le mani è ancora troppo scarsamente diffusa.

Persino alcune religioni monoteiste associano il significato simbolico di purificazione alla pratica di lavaggio delle mani; ogni volta che ci si rivolge al Divino, infatti, in alcuni riti è obbligatorio un lavaggio propedeutico.

Nell’immagine che segue viene spiegato, passo dopo passo, come lavarsi le mani correttamente.

Lavarsi le mani, quindi, non è solo un gesto simbolico o una pratica di significato effimero, né praticamente né metaforicamente. È uno dei tanti metodi per “fare meglio con meno” come dice il paradigma dell’economia circolare, strumento fondamentale per far fronte all’eccessivo consumo del nostro pianeta portato avanti come apparente unico metodo per sostenere la civiltà contemporanea.

“Fare meglio con meno” è un concentrato di saggezza, di lotta al consumismo inutile e sfrenato e allo stesso tempo un freno all’eccessiva velocità con cui stiamo facendo girare e consumare il mondo.

0 0 voto
Valutazione articolo
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti