Conosciuto anche con il nome di analemma o lemniscata, il simbolo dell’infinito – simile al numero otto ruotato di novanta gradi – ha un’origine che lascia spazio a molti dubbi.

La tesi scientifica

Il termine analemma, con cui viene a volte chiamato il simbolo dell’infinito, viene usato in astronomia per indicare una forma simile al numero otto le cui due parti hanno dimensioni diverse, vedi la figura.

il simbolo dell'analemma da cui potrebbe trarre origine il simbolo dell'infinito

Tesi astronomica – Il cammino del Sole

Il fotografo Cesar Cantù ha scattato una foto al Sole ogni settimana per un anno. Stessa inquadratura, stesso giorno, stessa ora. Sovrapponendo le immagini si è visto che il sole percorra un cammino a forma di analemma ogni anno.

Il cammino del sole, fotografando il sole ogni giorno alla stessa ora, si nota che forma un'analemma, da cui potrebbe avere origine il simbolo dell'infinito

Questo è uno dei motivi per il quale l’analemma viene usato per indicare l’infinito, ovvero il trascorrere del tempo che non ha né inizio né fine.

Il simbolo matematico

Abbiamo detto che il simbolo dell’infinito può essere chiamato anche lemniscata. Questa è un’otto rovesciato in cui le due parti sono uguali.

La lemnisca di Bernoulli, la rappresentazione cartesiana del simbolo dell'infinito
La lemniscata di Bernoulli

Questo elemento fu usato per la prima volta dal matematico John Wallis nel 1655 e poi descritta da Bernoulli nel 1694 usando la seguente formula:

formula lemnisca di bernoulli

Riportandola sul piano cartesiano si ottiene ciò che il matematico chiamò lemniscus ovvero “fiocco pendente”.

Il simbolo Romano

Ma perché John Wallis nel 1655 e prima di lui San Bonifacio nel 764, usarono questo simbolo per indicare l’infinito?

Un’altra tesi su questo simbolo ci arriva dall’impero romano. Uno dei modi per indicare il numero mille, oltre alla nota lettera M era il simbolo CIƆ.

Si sa che mille è un numero finito ma nella letteratura latina spesso lo si usava per indicare qualcosa di infinitamente grande.

Simbolo mistico

Il simbolo dell’infinito si trova anche in alcuni testi che riguardano il mondo spirituale. Di questi il più usato è l’Uroboro, ovvero il serpente che si morde la coda.

uroboro, il serpente che si morde la coda e si rigenera continuamente, possibile origine del simbolo dell'infinito

Il simbolo dell’Uroboro indica l’infinità di un ciclo che, da solo, si distrugge e si rigenera.

Scopri altre curiosità su kalanea.it, vai alla HOME PAGE

0 0 voto
Valutazione articolo
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti